Convegni AISI

IV Congresso Internazionale AISI – Arcavacata di Rende (CS), 7-9/06/2016

Modernismo, postmodernità, postmodernismo

Nel 2016 ricorrono i cento anni dalla morte di Rubén Darío, primo grande cosmopolita che seppe tradurre la crisi epocale determinata dall’avvento della modernità in un’opportunità per l’America Latina di dettare nuove tendenze estetiche.

Il direttivo AISI, in occasione di questa ricorrenza, ha ritenuto opportuno dedicare al modernismo il Congresso dell’Associazione, presso le sedi dell’Università della Calabria dal 7 al 9 giugno 2016. La circostanza vuole essere un’occasione per rinnovare il dibattito su questo momento di snodo della storia della letteratura e del pensiero ibero-americani, per proporre una riflessione sul movimento volta a ripensarne classificazioni, appartenenze, influenze e ripercussioni da molteplici prospettive e operando in diversi ambiti disciplinari.

Ogni giornata congressuale conta sulla partecipazione di un invitato speciale che tiene una lezione magistrale. La giornata dell’8 giugno vede la partecipazione di Rigoberta Menchú, premio Nobel per la pace.

pdf Locandina
pdf Programma
pdf Sintesi degli interventi dei partecipanti


III Congresso Internazionale AISI – Bologna, 2014

Letterature ibero-americane: dai testi alle immagini, dalle immagini ai testi

Il tema scelto dal Direttivo AISI per il convegno 2014 è specialmente volto a indagare l’intermedialità nelle letterature ibero-americane. A partire da una ricorrenza festosa, i cinquant’anni di Mafalda, si è pensato di proporre uno scandaglio profondo dei rapporti fra testi letterari e immagini, siano esse il prodotto dell’arte fotografica, del cinema, della pittura, come di ogni arte plastica e, naturalmente, poiché da lì si era mosso, del fumetto.

Nel suo ben noto intervento a L’Avana del 1962, Cortázar, del quale ricorre il centenario della nascita nel 2014, stabiliva una corrispondenza fra il racconto (breve o brevissimo) e la fotografia e fra il romanzo e il lungometraggio cinematografico. Ma il suo interesse per altre forme espressive e per gli intrecci fra testi letterari e cultura visuale andava ben oltre, come testimoniano le sue continue sperimentazioni: si pensi a Il giro del giorno in ottanta mondi e a Ultimo Round, per non dire, poi, di altri tentativi, forse più caotici, forse meno compresi, come il Libro de Manuel.

Senza voler escludere altre eventuali proposte, suggeriamo, di seguito, alcuni indirizzi tematici:

  • trasposizioni dal visuale al verbale e viceversa (ekphrasis, illustrazione, adattamento cinematografico, novelization)
  • relazioni fra testi e immagini nelle arti sincretiche (cinema, teatro, fumetto)
  • forme dell’intermedialità tra visuale e verbale, nella letteratura e nelle arti visive
  • cultura visuale in America Latina, specialmente in relazione alla dialettica fra testo e immagine
  • saggistica e teoria dell’intermedialità in America Latina

pdf Locandina


II Congresso Internazionale AISI – Gargnano (BS), 2012

Apocalipsis 2012

Perché dedicare il II convegno AISI all’Apocalisse? La risposta più ovvia, e obbediente a una certa vulgata, va ricercata nella particolare attenzione che si sta alimentando attorno alla presunta profezia dei Maya prevista per il prossimo 21 dicembre 2012.
La fine del “Conto Lungo” è fatta erroneamente coincidere con la fine del mondo, con una catastrofe di dimensioni inenarrabili, capace di azzerare tempi e luoghi: un’Apocalisse. Da tale equivoco nasce spontaneo un interrogativo: l’Apocalisse è una fine o è un inizio?
A partire da queste suggestioni, è evidente che il nostro tempo ha fatto ampio utilizzo del termine “Apocalisse”, impugnandolo e respingendolo, problematizzandolo e banalizzandolo, ibridandolo con tradizioni altre e nuove interpretazioni.

Di qui l’idea di riflettere, in prospettiva latinoamericanista, sul concetto di Apocalisse, attraverso le seguenti linee di indagine:

  • le apocalissi vere e presunte delle culture mesoamericane (collasso del Classico, crollo demografico, ecc.)
  • il 21 dicembre 2012 nella cultura maya
  • il mondo dopo la fine del mondo (visioni missionarie, genocidi, rivoluzioni)
  • Apocalisse senza fine (modernità e caos, utopie e distopie, millenarismi)
  • Apocalisse nel cinema, arte, musica
  • scritture e riscritture dell’Apocalisse nella letteratura (fantascienza, parodia, romanzo storico, ecc.)
  • Apocalisse nell’era postglobale (tecnologia, ambiente, biopotere)

pdf Locandina
“Apocalipsis 2012” su Issuu
Rivista «Altre modernità»: Speciale Apocalipsis 2012


I Congresso Internazionale AISI – Roma, 2010

Scritture e riscritture dell’Indipendenza

Il 2010 inaugura gli anniversari dei Bicentenari d’Indipendenza delle nazioni ispanoamericane, tema intorno al quale si stanno moltiplicando iniziative editoriali e congressuali. Il Consiglio Direttivo di AISI ha pertanto ritenuto opportuno per il suo primo Congresso nazionale, a Roma nei giorni 9, 10 e 11 giugno 2010, scegliere quale argomento “Scritture e riscritture dell’Indipendenza” ed inserire AISI nel dibattito storico-culturale di respiro internazionale che si sta delineando.

Le problematiche sulle quali è possibile riflettere sono varie e articolate e abbracciano un ampio campo disciplinare o multidisciplinare, compresi gli approcci didattici. Ecco alcuni temi che possono essere oggetto d’analisi:

  • precursori, eroi, próceres
  • letteratura, nazionalismo e costruzione dell’identità
  • celebrazioni del Centenario
  • spazi della memoria (musei, monumenti, piazze, ecc.)
  • le donne nel processo d’Indipendenza
  • l’Italia e l’Indipendenza ispanoamericana
  • i miti di fondazione
  • l’Indipendenza nella manualistica
  • critica letteraria e Indipendenza: un bilancio in Italia e all’estero
  • rappresentazioni iconografiche e plastiche dell’Indipendenza
  • eredità coloniale

pdf Locandina
“Scritture e riscritture dell’Indipendenza” su Issuu